Se il cancro alla prostata andare in

Tumore alla prostata: quali sono i sintomi a cui fare attenzione?

I possibili effetti di cancro alla prostata

Il giorno dopo mi ero sentito febbricitante ed avevo scoperto che mi era difficile urinare. Era una cosa spiacevole, se il cancro alla prostata andare in non sembrava essere un grosso problema. Ora so che tutto questo potrebbe avermi salvato la vita. Una risonanza magnetica ed una mortificante biopsia avevano confermato i miei sospetti. Cancro della prostata: capita a tutti i giovani di successo in questo periodo.

La ghiandola prostatica è situata abbastanza in profondità nel corpo umano, ne deriva che la sua rimozione è un intervento di una certa importanza: ci sono sei punti di ingresso e la cosa richiede quattro ore. La procedura andrà ad interferire con le radici stesse della mia virilità. Mi era stata offerta una scelta: chirurgia drastica o brachiterapia.

La brachiterapia ha meno effetti collaterali e la guarigione avviene molto più in fretta. In altre parole, avrei avuto un minor rischio di cancro prostatico solo se fossi stato femmina. E tuttavia… sono felice. Infatti sono più felice di quanto lo fossi prima della mia diagnosi. Come mai un fatto del genere? Il primo è il più importante: immaginarsi quanto peggio sarebbero potute andare le cose, piuttosto di quanto meglio.

Quando vi diagnosticano un cancro alla prostata la vostra condizione viene valutata sulla base della Scala di Gleasonche misura il suo grado di aggressività. Il mio ha avuto un punteggio di 7 su un massimo di Ma questo non mi fa capire quale sia la mia condizione generale.

Ho il sostegno di quelli con cui lavoro. Ho il NHS. Il mio Punteggio Tempesta di Merda è un misero 2 su Il secondo principio è questo: cambia quello che puoi cambiare, accetta quello che non se il cancro alla prostata andare in. Questa non è la formula della passività: ho trascorso tutta la vita lavorativa cercando di modicare esiti che ad altre persone sarebbero sembrati inalterabili.

Talvolta non ci resta altro che accettare come tale un ostacolo insuperabile. Il fatalismo, in questi casi, è una forma di protezione. Accetto il fatto che il mio destino sia nelle mani degli dei. Il terzo principio è questo: non permettere alla paura di governare la propria vita.

La paura ci soffoca, non ci fa pensare razionalmente e, o ci impedisce di lottare contro quello che ci opprime oppure di interagire serenamente con il nostro impersonale destino. Credo che siano tre i passi per dominare la paura: nominarla, normalizzarla, socializzarla. Colui Che Non Deve Essere Nominato rimpicciolisce al parlarne e rimpicciolisce ancora di più quando diventa argomento quotidiano di conversazione.

La super-volontaria Jeanne Chattoe, che ho intervistato di recente per un altro articolomi ha ricordato che, solo 25 anni fa, il cancro al seno era un argomento tabù. Grazie ai sorprendenti contributi delle sue vittime, una cosa del genere oggi è quasi impossibile da immaginare.

Ora dobbiamo fare lo stesso per gli altri tipi di cancro. Facciamo in modo che non ci siano più segreti terrificanti. Non mi scuso affatto per avervi reso edotti di particolari scabrosi: più diventano familiari, meno sono terrificanti. Nel farlo, socializzo la mia condizione. Il mese scorso, ho parlato di come ci siano prove inconfutabili del fatto che appartenere ad una comunità compassionevole fa se il cancro alla prostata andare in le guarigioni e riduce la mortalità.

La vecchia strategia di soffrire in silenzio non avrebbe potuto essere più fuorviante. Ma, dopo la mia diagnosi, ho scoperto due cose. La prima è che il tumore della prostata ha superato il cancro al senofino a diventare il terzo delle principali neoplasie-killer del Regno Unito. Invece, vorrei spingervi a sostenere la ricerca portata avanti da Prostate Cancer UKvolta allo sviluppo di un test migliore. Il cancro alla prostata è discriminante: per ragioni ignote gli uomini di colore hanno una probabilità doppia di ammalarsi rispetto ai bianchi.

Mettere a punto test e terapie migliori è una questione sia se il cancro alla prostata andare in urgenza che di giustizia. Quindi, eiaculate, gente, in compagnia o da soli, ma eiaculate….

Per il singolo individuo è utile stabilire il valore del PSA ematico. La cosa migliore è la prevenzione. E non dimentichiamo un pensiero positivo : non rabbia, paura, tristezza. Ma sono felice. Ho il cancro alla prostata. La mia insolita passione è quella di andare a caccia della "verità" nelle vicende contemporanee, attraverso gli interstizi dell'informazione, il mio vizio assurdo invece consiste nell'amare l'anonimato più della notorietà, la responsabilità più del narcisismo, l'impegno sociale più del letargo intellettuale.

Allergica al pelo di capra e alle fake news. Precedente La politica tra Nomos e Physis, ovvero la questione morale. Prossimo La menzogna competitiva. Maria Di Monti 27 Maggio se il cancro alla prostata andare in, a Pfefferminz 27 Maggioa Lupis Tana 27 Maggioa GiPa se il cancro alla prostata andare in Maggioa Il sito non si assume alcuna responsabilità per gli articoli ed il materiale pubblicato I contenuti sono pubblicati senza periodicità, dai rispettivi autori.

Utilizzando i servizi di comedonchisciotte. Questo sito, come gli altri, usa i cookies per offrirti una esperienza di navigazione migliore e per statistiche anonime. Proseguendo la navigazione, dichiari di esserne consapevole e di accettarlo Ulteriori informazioni sui cookies OK, chiudi questo avviso.